IL MANGIATORE DI NEVE DE BATACLAN

E’ la coscienza che ci fa vili (Amleto).

Non mi rassegno a invecchiare! Ho tutto pronto per la cavalcata verso altri sistemi solari: panoramica a occhio nudo, riflessi sul lago dell’impossibile. Pieni di cigni e di trote da chiosare. Riflessione poetica del Ragioniere Saverio di Serrastretta: tu scrivi che noi leggiamo su Internet da qui a Marte, vedi la condizione dell’uomo di oggi da sceneggiare!

Oddio, materia per Yves Bonnefoy – Rimbaud – mallarmè e Baudelaire. Pionieri della poesia francese che trasformò parecchie generazioni, adesso computerizzate per dare un contributo più consistente al rinnovamento della scuola di recitazione e didattiche per farci sentire geni creativi e non gnomi di questo nucleo misterioso e oscuro.

Non è una fuga, ma una conquista itinerante, durante il “confronto tragico con l’assoluto”. La morte

l’ho vista camminare selle pagine dei nostri libri bruciati, non posso fare a meno di seguirla e spiarla.

La morte d’inverno porta in dono sacchi di carbone! Il braciere arde accanto all’accessorio teatrale.

Verdetto: “chi sei? Come sei arrivata al Bataclan?” – “con i miei piedi, mi manda PalladiNeve” – “lo immagino, conosci il Diavolo?” – “certo!, è mio cugino, si chiama PalladiNeve, ha le corna e la coda, brucia le parrocchie e i teatri fuori norma. Per ardere insieme alle Autorità per quello che gli hanno fatto, vede i fantasmi, è un comunista”

Dio mio, qualcosa non quadra, sembra che stiamo giocando a scacchi, e il talentuoso mi facilita la vincita, è intrattabile, bisogna avvertire la Stampa e il consiglio teatrale prima dell’arrivo di Godot. Eppure non beve, non gioca d’azzardo, non si fa le pere, parla da solo perchè si vergogna di come l’hanno ridotto. E non conosce medicine, è sano come Apollo, è sportivo, dinamico e pulitissimo. Dopo domani a quasi 80 anni può passare le carte all’I.S.I.S. (Informale Soluzione Internazionale Sociale), tramite lo studio dell’Avvocato Prelle di Torino, art. 96 comma 2 C.P.C., norma speciale rispetto all’art. 2043 C.C. Dinanzi al Giudice dell’opposizione, all’esecuzione per il risarcimento del danno per mancato lavoro risalente al 2004, e addio Autonomia Valdostana .(citazione da alexhost.com.“Che fenomeno però. venderà cara la sua pelle al primo arrivato? Tornerà a Cuba per andare in Venezuela? Chi lo sa?!.”

Allegria allegria, sono tornato dal nulla. Cassandra gli indica il deserto e sposta i paraventi della scena. Nausica ride, “presagio di fecondità?” – “non vedi che sono un ragazzo” – “da dove vieni?” – “vengo dallo scoglione di Tortolì” – “Sardegna?” – “Sardegna! Sono stato anche a Praia a mare” – “Calabria?” – “Calabria! E anche a Taormina, ma al teatro lì non c’era posto per me” – “hai mai recitato al Teatro Dalidà?” – “non ancora, ma prima di morire lo farò” – “stai mentendo!? Perchè io sono la Morte” – “Piacere, anch’io sono la Morte, e prima o poi ti accoppo” – “possiamo darci del tu” – “più avanti”.

Da una fessura la scena viene tagliata da una diagonale di luce.

“Posso darle un consiglio?” – “anche due” – “testardo come sei, patito di archeologia, perchè non provi l’ultima scena al teatro Splendor, dell’arco alpino?” – ”no, allo Splendor mai, perchè ad Aosta ci sono più Carabinieri che a Moncalieri” Io non sono uno e trino, quindi, (sorvegliato speciale), per questo ho scelto la fuga in Egitto con la mia unica guida spirituale: l’asinella Erica. Nella mia originalità, quando sono ispirato, me la faccio……a piedi, e alle prime oasi, salgo sopra una pietra e prego. L’intelligenza non si punisce, anche con la flebo in mano reciterò il mio Amleto. La creatura mi guarda e muore dal ridere come Ofelia: ahi ahi, quanto tempo sprecato, coito ergo sum.Veramente mi concentro per cimentarmi sulle liriche teatrali di Annibale. Lui si che sa di me, di te e di mia madre, la vedova incestuosa di Danimarca e dell’istrionico Valeriano, il cubano rosso con le sue ammalianti danzatrici, reietti incantatrici della mia Cuba Comunista.

Hasta la vista, la victoria siempre.

Benvenuti al teatro Santa Clara di Cuba.

Annibale Molinaro

Le terme di Prè Saint Didier

Hannibal Palladineve 25 gennaio 2017

annibale.molinaro@tiscali.it

www.annibaleanarchico.it