8 Marzo 2015 – pensieri

A COLPI DI ARIETE LO SPARO DI PUSHKIN

Le donne del terzo millennio sono state elette deputate al parlamento per parlare di come cambiare il mondo maschilista in meglio, per lenire il terzo-quarto conflitto mondiale perché di potere. I dominanti hanno il “missile terroristico “ puntato sulla fronte. Ci vedremo a Tripoli. Lo avrebbe intuito persino Benito Mussolini. Quindi le donne non sono più disponibili come una volta a farsi tirare dalla capezza di un lurido Dio di carne. E abbiamo detto tutto ma non basta. Tra le due cose, una tira l’altra. Che significa essere non essere? Guerra e pace?

Proprietà pubblica e privata? Credere non credere uno sconosciuto? Tra lo sfidante e lo sfidato uno deve cadere perché è cattivo; invece cade il migliore come in tutte le cose, in questo mondo di poeti, Santi, di navigatori di bombardieri sistematici-telematici. E che Dio gliele mandi buona alle donne, a tu per tu con la parola: fine dello strapotere: burocrate, capitalista, colonialista, imperialista, nazifascista: poeta o teatrante mai, per questo:crepino tutti gli astrologi stregoni, crepino tutti gli zar e tutti i cardinali con il forcone e le malelingue della propaganda conveniente alla politica spettacolo allucinante e becera come la pentecoste. E ci risiamo: il Regista, ama i suoi carnefici letterati, se vedesse rallentare la morsa all’attore, per riuscirgli me- glio la risata antidepressiva sul patibolo: coerente ai diritti e delle pene” di Cesare Beccaria. Quando capiranno, perché? Annibale scrive; moriremo ammazzati come a Piazza Rossa e da Pechino, a New York e da Maracaibo a Roma per l’indifferenza della Farnesina Romana. E la lotta continua o non c’è più niente da fare.

Parola d’ordine: lavorare tutti, desodati e simili: produrre – importare – esportare innovazioni globali.
Laboratori-officine e fattorie salveranno il mondo dalla miseria nera o creperemo tutti per fame e per sete e per il freddo. Le guerre finiranno: se “l’anarchismo classico” costringe: come i tagliagola: a far riflettere: banchieri e le pattuglie politiche a azzerare il debito pubblico e a azzerare le spese militari locali nazionali mondiali l’ordine pubblico si insegna nelle scuole specializzate a civilizzare umanità intere. Niente sindaci sceriffi, bastano e avanzano pompieri e i vigili urbani specialisti e coerenti al nuovo stato democratico da 4 internazionale.

Salute e buon lavoro o le guerre continueranno fino alla distruzione totale perché la terra può fare a meno dell’uomo macchiato dal peccato originale: a de venì la Notte del Giudizio Anar- chico. 8 marzo al femminile 2015.

Annibale Molinaro – Campo da tennis n. 8 Sarre/Aosta – Italia