ABITARE SU MARTE

ABITARE SU MARTE

Dopo questo pandemico coronavirus chissà se si potrà trovare casa nello spazio? Ce lo diranno i tre astronauti della NASA, Jessica Meir, Andrew Morgan e il russo Oleg Skripočka: che dopo sei mesi esplorativi trascorsi nello spazio, sono rientrati ieri atterrando in Kazakistan, all’opposto di Huston, più vicini alla Cecenia di Stalin che all’America di Trump.

E che ne dicano gli espertologi baciatori di teche, con il sangue di San Gennaro e leccare il saio di Padre Pio, riportando la Storia di mille anni indietro. Ovviamente per loro è meglio convivere con il corona virus che non con i famosi mangia bambini.

ATTENZIONE, a colpi di litanie vi riporteranno in sacrestia. Allora fuoco alle polveri come in Spagna, Avignone città dei Papi nel Medioevo siamo rimasti al Petrarchismo e al Vate: Gabriele D’Annunzio, che voleva iniettare il Nazifascismo nel sangue dei Partigiani di Tito con l’apparente presa di Fiume Jugoslavia; Storia grigia che è meglio non parlarne: altre Foibe da riempire??

Il libraio Franco Freda, nazifascista, citava Sun Tzu: la Giustizia è un timone, come la si giri va; non volendo ammettere, che un chilo di paglia corrisponde a un chilo di ferro. Comunque la destra di Alemanno e  Salvini ci riprovano con i (negazionisti) del XXI secolo a spostare l’asse politica all’estrema destra nazista dal simpatico Onorevole La Russa e dalla Meloni. La nuova Lady Macbeth Shakespeariana.

Ispiratori della poesia anti Platone. Durante la propedeutica del Teatro della Tosse di Genova.

La Russa e la Meloni hanno giurato alla Luna, che per loro questa potrebbe essere l’ultimo 25 Aprile antifascista. RESISTENZA! Zucone replica: Un cane trovato appeso nella pertica tra rastrelli e badili (come un film già visto). Picciotti e Castagnari, all’attacco contro questi e quelli, o faremo la fine di Sacco, Vanzetti e Pinelli.

Questo brano non è la Sindrome di Stoccolma; è la verità storica machiavellica tra realtà recitabile in un atto unico al Teatro Santa Clara di Cuba; dedicato a cileno Luis Sepúlveda autore del libro: (Il vecchio che leggeva romanzi d’amore). Se ce lo permetterebbe il cybercrime è la terza potenza economica mondiale: senza camuffare i nostri dati personali, dicesi crimine informatico, altro che il Manifesto della storia d’amore.

21 aprile 2020 – Strada Statale 26 – Monte Bianco – Valle d’Aosta   www.annibaleanarchico.it – annibale.molinaro@tiscali.it